Quinta generazione di telefonia mobile (5G)

Quinta generazione di telefonia mobile (5G)

L’avanzamento incessante delle nuove tecnologie è ormai una costante della società moderna, votata in gran parte all’utilizzo delle nuove risorse informatiche. Non passa giornata che milioni di utenti non fanno uso di dispositivi elettronici fissi e mobili, per lavoro o per semplice spasso giornaliero. Dalla gigantesca domanda di mercato nasce la necessità di risorse digitali di ultima generazione, vere e proprie rivoluzioni per andare incontro alle esigenze di un numero altissimo di utenti di tutto il mondo. In un contesto sociale simile la quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili (5G), lo standard di comunicazione mobile che consentirà un collegamento ad alta velocità, non poteva farsi attendere a lungo. Una novità in lavorazione da anni per garantire all’utenza la capacità di contare su un’altissima banda, superiore nettamente rispetto a quella del 4G.

Lo scarico di programmi pesanti con la tecnologia 5G (Fifth Generation) non sarà affatto un problema, la nuova tecnologia di comunicazione consentirà di fare diventare realtà alcuni progetti che appena qualche decennio fa apparivano come fantascienza e lontani anni luce. In tale logica il 5G per costruttori e imprese rappresenta un’enorme opportunità di sviluppo, una tecnologia quindi non solo da vedere come possibilità di connessione più veloce. Allora vediamo di trattare il tema della quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili nei paragrafi successivi, per comprenderne il concetto e la grande utilità futura ma anche le incertezze sul suo utilizzo: di cosa si tratta, i nuovi orizzonti, la copertura nel nostro Paese, i dubbi fino alle riflessioni finali, ecco che c’è da sapere.

La tecnologia 5G punta a ridefinire gli standard qualitativi in fatto di connessione delle reti mobili, una tecnologia destinata a sostituire quella del 4G, quest’ultima ad oggi la connessione migliore per smartphone ma ormai prossima alla pensione. Con la quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili la capacità di connessione a Internet verrà implementata di gran lunga, a tutto vantaggio di una connessione molto più veloce rispetto a quella attuale. Il 5G sarà capace di aprire le porte a possibilità fino a qualche anno fa solo immaginabili lontanamente, grosse opportunità ancora al vaglio dei grandi esperti.

L’associazione che riunisce ricercatori e operatori del mondo della telefonia mobile (Next Generation Mobile Networks Alliance) ha definito il 5G come una nuova tecnologia capace di elaborare informazioni di decine di megabit al secondo, di sostenere contemporaneamente e adeguatamente centinaia di migliaia di connessioni senza fili, di assicurare una copertura maggiore e una potenziata efficienza dei segnali. Un grande passo avanti riguardo al 4G e gigantesco se si confronta la quinta generazione alle ormai obsolete 2G e 3G. La realizzazione del 5G punta non solo a soddisfare una maggiore banda, ma più complessi campi di utilizzo. Spiegato il concetto della quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili, andiamo avanti anche per vedere gli eventuali contesti d’utilizzo. Nuovi orizzonti possibili per una lunga serie di settori che vanno dalla sicurezza stradale agli elettrodomestici intelligenti.

La nuova tecnologia dunque non servirà esclusivamente per navigare in Internet più velocemente con smartphone e tablet, sarebbe riduttivo e un’offesa per tutti gli specialisti che hanno lavorato per anni con impegno per la realizzazione del nuovo progetto. Il 5G permetterà infatti nuovi scenari, naturalmente di ultima generazione. Le smart city del futuro saranno tutte collegate con il 5G, una tecnologia che consentirà di gestire tutti i servizi importanti di una città. Sarà tutto più facile gestire tramite l’utilizzo di una rete così ad alta velocità il traffico, la viabilità e la sicurezza stradale. Per una città, soprattutto di grandi dimensioni, un aiuto notevole e non solo relativamente ai servizi strettamente riconducibili alla viabilità ma anche in relazione ad altri determinati servizi per i cittadini. Grandi benefit dalla quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili anche per i mezzi a guida autonoma, in quanto il 5G consentirà un dialogo in real time con le infrastrutture stradali ottenendo dati fondamentali per la sicurezza del conducente.

A fruire dei numerosi vantaggi del 5G anche la smart home, in quanto gli oggetti smart di un’abitazione potranno dialogare, ottenere informazioni dall’esterno ed essere gestiti da un solo dispositivo da remoto. Questi sono ovviamente solo alcuni benefit della nuova tecnologia, logica conseguenza di una rete molto veloce e capillare. Un altro salto di qualità tecnologico per una società moderna orientata sempre più verso lo studio e le applicazioni di nuove risorse informatiche. Una serie di nuovi prodotti, servizi e soluzioni per singoli utenti e per il mondo del lavoro di ogni parte del mondo. Naturalmente quando parliamo di ogni parte del mondo ci riferiamo a quei Paesi dove già è in funzione il 4G e pronti ad accogliere il 5G con mezzi e risorse opportune.

La quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili è ormai una realtà dietro l’angolo, anche se il processo sperimentale è attivo soltanto da qualche mese e il definitivo completamento della rete di infrastrutture richiede ancora un po’ di tempo e pazienza. Il tempo necessario per consentire a gran parte del nostro Paese una connessione ad alta velocità con il 5G. Oggi, infatti in Italia, la copertura del 5G è solamente parziale e solo alcune città come ad esempio Roma, Milano, Torino, Napoli, Firenze, Bologna e Bari possono vantare la coperture di rete.

Un numero esiguo di città destinato comunque a crescere nei mesi prossimi perché i lavori per una copertura sempre più soddisfacente a livello nazionale vanno avanti senza sosta, anche se con qualche problematica da risolvere. In tale logica diversi sono già i produttori che hanno iniziato a investire per realizzare modelli nuovi di telefonia mobile capaci di supportare adeguatamente la nuova tecnologia. Il mondo Android già presenta sul mercato smartphone 5G, mentre ora si attendono le prossime mosse di Apple. Naturalmente il grande sviluppo dei modelli di ultima generazione è atteso tra qualche tempo, quando la quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili avrà preso definitivamente il largo. Oggi meglio non lasciarsi andare a facili previsioni in fatto di tempistica perché il cammino è ancora lungo e complesso.

Uno dei dubbi maggiori sollevati in relazione alla quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili è legata alle presunte antenne, ritenute rischiose per le persone. A tal proposito autorevoli studi di settore non hanno riscontrato alcuna correlazione tra l’uso delle reti mobili, compreso il 5G, e le patologie tumorali. Sembrerebbero quindi vere e proprie fake news quelle che colpevolizzano le nuove tecnologie come la causa di diversi mali per l’intera umanità. Altre incertezze sollevate da più parti sull’utilizzo di questa eccezionale nuova tecnologia sono da riportare alla materia della sicurezza informatica. Un dubbio lecito vista l’opportunità di una rete capace praticamente di collegare ogni cosa, che quindi solleva il delicato tema della privacy delle persone e la necessità di misure di controllo appropriate e trasparenti.

Con una rete così veloce, informazioni e dati viaggiano ancora più rapidamente e massicciamente mettendo a serio rischio dati sensibili e informazioni strategiche. Spetta ai produttori naturalmente assicurare e aggiornare standard di sicurezza sempre più elevati, per contrastare il fenomeno dei criminali informatici, pronti a sfruttare ogni buco di sistema per mettere in atto strategie illecite. Vulnerabilità e privacy d’altronde sono argomenti trattati dalla realizzazione delle prime tecnologie e da affrontare ogni giorno parallelamente allo sviluppo di nuove tecniche, che permetteranno al 5G di conquistare vari settori di mercato. La necessità di garantire la massima sicurezza dei dati è dettata anche da precisi riferimenti normativi come il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR). Il Regolamento dell’Unione Europea 2016/679 sviluppato con lo scopo di rafforzare la protezione dei dati e uniformare la normativa a livello europeo. Un obbligo a cui attenersi ma anche una grande opportunità per allontanare i pericoli di furti di preziosi dati, in quanto aumentano i criminali informatici e di conseguenza i rischi di attacchi. Un altro problema è certamente la distanza maggiore che potrebbe venirsi a creare tra i Paesi che adotteranno il 5G e i Paesi, soprattutto di alcune parti del mondo, che oggi neanche dispongono di una rete mobile appena accettabile. Per questi ultimi, il 5G resta un’ipotesi lontani anni luce, un miraggio molto molto lontano.

Al netto delle problematiche sollevate da varie parti anche in tema di sicurezza nazionale e internazionale, la quinta generazione di telefonia mobile mira con una velocità di trasmissione altissima, con ridotti consumi energetici e con un tempo di latenza drasticamente diminuito, a connettere miliardi di dispositivi elettronici e miliardi di utenti in maniera completamente nuova rispetto al passato. Un risultato da raggiungere quindi con una trasmissione a velocità altissima e un basso tempo di risposta (latenza). Gli utenti ancora non contenti delle connessioni attuali, una volta sviluppata completamente la rete 5G saranno soddisfatti pienamente della connettività. Miglioramenti non solo in termini di connettività perché il 5G inciderà radicalmente anche sulla crescita di molti settori, pronti a fruire al meglio delle potenzialità della trasformazione tecnologica.

Dalla connessione di elettrodomestici intelligenti al mondo delle auto, passando per la sicurezza stradale e la telemedicina c’è da scommettere su applicazioni molto sorprendenti. Basta pensare a strutture sanitarie con la possibilità di controllare i pazienti da remoto, ottimizzando l’intera struttura sanitaria. Ma a beneficiare della quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili saranno certamente anche settori come il turismo e molti altri ancora. Le barriere da superare per una definitiva affermazione della nuova tecnologia non sono poche, a cominciare dal definitivo completamento della rete di infrastrutture e da tutte le problematiche sollevate sulla questione della sicurezza informatica. Solo una volta superati tali ostacoli sarà probabilmente possibile beneficiare di tutti i benefit garantiti dalla quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili. La nuova grande ampiezza di banda e una latenza ridotta rispetto ai precedenti standard fanno dunque della quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili una vera e propria risorsa da saper sfruttare al meglio. Una sorta di rivoluzione sotto diversi punti, a partire da una connettività velocissima che promette un gigantesco balzo in avanti del campo della telefonia mobile.

Questa generazione di connessione mobile darà inizio a una delle rivoluzioni tecnologiche più grandi della nostra società. Con effetti sulle nostre vite perché consentirà una connessione velocissima di un numero indecifrabile di dispositivi elettronici e di utenti. La corsa alla quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili è iniziata e non poteva cominciare che con un testa a testa tra Asia e Stati Uniti d’America. Negli Stati uniti d’America sono in atto diverse sperimentazioni sul futuro della telefonia mobile, mentre in Asia la nuova tecnologia 5G è prioritaria per le strategie aziendali del Paese. Una lotta tra due potenze mondiali pronte a sfidarsi anche su questo campo. In questa corsa l’Europa è un passo indietro, ma certamente non sta a dormire. Stesso discorso per il nostro Paese che neanche sta a dormire e, come abbiamo visto, ha avviato il processo per la rete di infrastrutture necessaria. In Italia le problematiche da superare non sono poche e in linea di massima simili ad altri Paesi europei ma con i mezzi giusti, le risorse umane e finanziarie necessarie la quinta generazione delle tecnologie di comunicazione delle reti mobili potrebbe essere una risorsa grandissima per il futuro. Ormai è solo una questione di tempo per vedere il 5G completamente in azione e il 4G andare in pensione.

Info sull'autore

Andrea Masella author